Montenero
Cru Bio

65% Syrah – 35% Cabernet Franc from biodynamic grapes

Ageing 2 months in concrete tanks, then in French Allier oak barrels for 30 months then finally in bottle.

Matches indicated for prestigious meat dishes and medium-aged cheeses.

Tasting note Montenero is ruby red color concentrate. Vinous and warm, the aromas are intense of small ripe red berries and cherries, which are well mixed with the scents of liquorice and spices with hints of violet and vanilla. At the palate it is well established and it gives the impression of its depth, large and found semblance of small red berries. Elegant, silky and seductive.  

Service temperature 16 - 18 ° C.

Montenero

Cru Bio

Classification RED IGP TERRE SICILIANE

Certification Organic

Winemaker Gianfranco Cordero

Grape Type 65% Syrah – 35% Cabernet Franc from biodynamic grapes

Vineyards Location Castelbuono (PA) - C.da Santa Anastasia Montenero hill of 500 m. a.s.l.

N. plants per hectare 4.000

Yeald per hectar Syrah 6.000 kg – Cabernet Franc 5.000 kg

Harvest Hand-picking: Syrah third decade of August, Cabernet Franc early September

Production Technique Traditional red vinification in small oak conical section 100 hl. without selected yeasts, enzymes and clarifying at controlled temperature by pumping, pressing and delestage max 32 ° C, for 15 days in maceration on the skins.

Ageing 2 months in concrete tanks, then in French Allier oak barrels for 30 months then finally in bottle.

Alc.% Vol. 13.5°

  • logo quattro grappoli guida bibenda 2013

    Montenero annata 2010

    Quattro Grappoli Guida Bibenda 2013

  • logo due bicchieri guida vini d'italia del gambero rosso 2014

    Montenero annata 2011

    Premio Due Bicchieri Guida Vini d'Italia del Gambero Rosso 2014

  • logo quattro grappoli guida bibenda 2014

    Montenero annata 2012

    Quattro Grappoli Guida Bibenda 2014

CONIGLIO SELVATICO ALLA MADONITA

ricetta da abbinare al vino montenero INGREDIENTI PER 8 PERSONE

  • 1 kg di coniglio tagliato a pezzi
  • 15 Olive
  • Olio d'oliva extra vergine q.b.
  • 2 spicchi d'aglio
  • 1 sedano
  • 1 cipolla
  • 1 manciata di origano
  • 1 cucchiaio di capperi
  • 1 cucchiaio di "strattu"
  • 1 bicchiere di Montenero


PREPARAZIONE
Tenere i pezzi di coniglio a bagno per 20-30 minuti nel vino Montenero di Abbazia Santa Anastasia, successivamente sgocciolare, infarinare e friggere in olio di oliva extra vergine e mettere da parte. In un tegame, usando l'olio con cui abbiamo fritto il coniglio, rosoliamo due spicchi di aglio tritato, il cuore di un sedano, 1 cipolla, 1 cucchiaio di capperi, una buona presa di origano ed 1 cucchiaio di "strattu" diluito in un bicchiere di vino, mescolare e sistemare nel tegame i pezzi di coniglio e far insaporire tutte le parti per 5 minuti.
A questo punto unire 15 olive verdi snocciolate e tagliate a pezzetti ed un bicchiere di acqua.
Fare cuocere a fiamma bassa per circa 40 minuti, aggiungendo poca acqua e rigirando spesso i pezzi di coniglio. Aggiustare di sale e pepe. Alla fine si dovrà raggiungere un sughetto ristretto ma evidente. Il vino da abbinare, per gustare al meglio il coniglio alla Madonita, rimane naturalmente il Montenero.

Antonio Bonadonna
Chef Executive
Relais Santa Anastasia